mercoledì, 21 agosto 2019 - 20:16 | Ultima modifica: 20/07/2017 - 7:55 | Utenti online: 3
Serra - Valle S. Giovanni - Pozzilli - S. Egidio
Serra - Valle S. Giovanni - Pozzilli - S. Egidio
09.03.2007 | Trekking/escursioni
Serra - S. Egidio
Visualizza nella MdM-Map
Itinerario: Serra - Valle S. Giovanni - Pozzilli - S. Egidio
Comune di: Bojano - S. Polo Matese
Lunghezza del percorso: 7 km circa
Tempi di percorrenza: 3 ore

Quota partenza: 1050 m.
Quota arrivo: 1075 m.
Quota massima: 1250 m.

Acqua: S. Egidio

Indice di difficoltà: Itinerario rosso

Partenza: raggiungere in macchina la località Serra, nei pressi dei Pozzilli.

Descrizione Si attraversano numerose pianurette circondate da boschi di faggio. Nella prima pianura sulla Serra si incontra una casetta diroccata costruita negli anni "Trenta" (la buona volontà ed un po' di collaborazione costruttiva potrebbero ridare agli appassionati di montagna un comodo e suggestivo rifugio. Procedendo in direzione Est si attraversano altri pianori fino a raggiungere il Lacone.

Pianoro del Lacone (foto di: Roberto SPINA)
Pianoro del Lacone (foto di: Roberto SPINA)
Percorrendo le creste delle colline circostanti si possono ammirare panorami stupendi: veduta dall'alto di S. Polo Matese, del Fosso della Foce e della Fonte Malmerunte.
Risalendo la collina in direzione Sud e percorrendo un leggero arco in direzione Ovest, si raggiungono le Valli San Giovanni: un susseguirsi di piccoli, rotondeggianti pianori erbosi circondati da faggi. In un passato non molto remoto venivano coltivati per la produzione di patate, in prossimità dei recinti per le greggi. Si esce allo scoperto presso la fonte dei Pozzilli, con i suoi caratteristici abbeveratoi in pietra (Lontri). Il panorama sulla vallata è del tutto scoperto ed è particolarmente suggestivo.
Si risale successivamente a Colle Falcone, percorrendo la strada tracciata, per poi ridiscendere comodamente a S. Egidio su un sentiero curato da un gruppo di encomiabili volontari Bojanesi. A S. Egidio una meravigliosa sorgente di acqua fresca; la chiesetta; il rifugio; il porticato; veduta straordinaria sulla piana e del monte Crocella (1040 mt.). 

Eremo di S. Egidio (foto di: Roberto SPINA)
Eremo di S. Egidio (foto di: Roberto SPINA)
Consigli
La struttura del rifugio di S. Egidio consente anche di cucinare sul posto ma, trattandosi di una escursione "itinerante", conviene consumare la solita colazione al sacco, questa volta però, preparata con più gusto e generosità.
Si richiama l'attenzione sul rispetto della "cosa comune" e sulla solidarietà che occorre dimostrare da parte di tutti, nel tutelare valori ambientali affidati unicamente alla sensibilità, all'apporto, ed alla collaborazione, nonché alla buona educazione dei visitatori. A titolo di curiosità si ricorda che la località di S. Egidio è molto cara ai Bojanesi e che il primo di settembre vi si svolge una festa tradizionale e popolare di remotissima istituzione che vede la partecipazione di migliaia di persone.