giovedì, 22 ottobre 2020 - 00:01 | Ultima modifica: 20/07/2017 - 7:55 | Utenti online: 12
08.03.2007 | Manuali
L'altimetro
L'altimetro è uno strumento che fornisce dati oggettivi sulla posizione di altitudine (scala graduata in metri di altitudine) tramite la misura della pressione atmosferica (peso della colonna d'aria sovrastante e del suo variare).
Per avere indicazioni attendibili, stando in un certo luogo, bisognerà preventivamente tarare l'altimetro cioè far coincidere la posizione dell'indicatore con quello della quota reale eventualmente interpretata dal punto sulla carta.
Si prenderà quindi nota degli spostamenti relativi dell'indicatore rispetto a queste posizioni, tenendo presente che la lancetta,subira, anche se stiamo fermi in un luogo, spostamenti in funzione delle variazioni di pressione atmosferica.
Se la pressione scende la lancetta scendera di valore (bassa pressione-brutto tempo).
In linea di massima l'ordine di grandezza dello spostamento è, nell'arco di 24 ore, di 30-70 metri per le brevi perturbazioni e da 50 fino a 200 metri per le grandi perturbazioni.
La lancetta sale invece in funzione di un'innalzamento di pressione, indice di bel tempo (alta pressione).
In funzione di queste variazioni atmosferiche (indipendenti quindi dalla reale quota), portano ad'una inevitabile approssimazione nella lettura rilevata sull'indice dello strumento.
E' utile pertanto rilevare di tanto in tanto le variazioni di pressione e riferirle a letture sul territorio con riferimenti cartografici certi.
Essendo la correlazione tra altimetria e pressione direttamente connessa, sono presenti sul mercato strumenti da polso che sono in grado di visualizzare sia il valore e l'andamento della pressione barometrica che la quota raggiunta.
La personale interpretazione dei valori e del loro andamento ci permettà di effettuare previsioni a breve termine che ci consentiranno di svolgere la nostra attività in piena sicurezza.

Tratto da www.escursionismo.it