lunedì, 26 ottobre 2020 - 04:26 | Ultima modifica: 20/07/2017 - 7:55 | Utenti online: 10
ForumRegistratiCercaLista utentiLog in
 Rispondi  Pagina 1 di 1
Involuzione di un resort.
Autore Messaggio
Rispondi citando
Messaggio Involuzione di un resort. 
http://www.snowboardplanet.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1270:involuzione-di-un-resort&catid=1157:resort&Itemid=23

Profilo Invia e-mail
Rispondi citando
Messaggio  
Tutto vero..... tristemente... vero ... lenta insopportabile eutanasia!

Profilo
Rispondi citando
Messaggio  
..................mhà..!!!!!!! Rolling Eyes Rolling Eyes

Profilo
Rispondi citando
Messaggio  
però dai è assurdo!

vabbène certo ci sono tante cose che non vanno




come i 3 impianti pubblicizzati sul sito ufficiale e non funzionanti
come i prezzi dei parcheggi che nessuna stazione sciistica del mondo ha (ma manco in pieno centro a Parigi Londra o New York)
come il costo della tessera magnetica SKIDATA che in abruzzo e sulle alpi costa 5 volte meno che a campitello

come nessuna spiegazione ufficiale (manco le scuse per chi aveva lo stagionale) sul fatto che dei 2 impianti alti solo 1 ha funzionato l'anno scorso



però dai vuoi mettere


abbiamo l'anello di fondo!!!



le piste di snowtubing!!!!!!!!!!!!!



l'effetto paese!!!!





l a p i a z z a c o n f o n t a n a ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !



e non ci abbottiamo mai


Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Profilo Invia e-mail
Rispondi citando
Messaggio  
grazie Fabio per aver messo nero su bianco quello che accade alla nostra adorata montagna e per aver dato voce alla nostra piccola ribellione.
Speriamo che tutto ciò contribuisca a risvegliare le coscienze

Profilo Invia e-mail
Rispondi citando
Messaggio  
Molto ma non tutto di ciò che ha scritto Fabio Ventriglia Campana è giusto.
Due cose in particolare: l'attraversamento dall'arrivo della seggiovia Colle del Caprio alla pista dell'Anfiteatro (che è stata costruita nel 1984 e non nel 1985 come riportato) non è affatto a rischio slavine, non ne sono mai cadute a memoria d'uomo lungo il percorso e dovrebbe saperlo visto che è frequenta le montagne del Matese praticamente da quando è nato. Le zone esposte sono altre: il circolo glaciale dell'Anfiteatro stesso, per esempio, ma solo quando nevica davvero tantissimo ed è comunque un evento molto raro. Anche altre zone sono soggette a slavine, per esempio la morena sottostante la Grotta delle Ciaole e, quando nevica davvero tanto, alcuni tratti di fuoripista - ne sa qualcosa un rider di vecchia data che frequenta Campitello Matese, gli snowboarders locali avranno capito a chi mi sto riferendo.
Inoltre le sedie della seggiovia Colle del Caprio sono deliberatamente state scelte così come sono e meno male, aggiungo. L'esposizione al vento del tratto finale infatti avrebbe reso praticamente inservibile la seggiovia, pannelli imbottiti o cupole aerodinamiche quanto si voglia farebbero oscillare pericolosamente le sedie stesse, teniamo sempre presente che le correnti d'aria sulle nostre montagne sono spesso turbolente, a raffiche e con improvvisi cambi di direzione. Le moderne seggiovie ed impianti a fune in generale sono gestiti da sistemi informatici complessi, praticamente ogni parametro viene costantemente tenuto sotto controllo; nello specifico oscillazioni delle sedie che superano un determinato limite comportano l'immediato blocco dell'impianto stesso.

Queste precisazioni mi sono sembrate opportune; per il resto purtroppo non si può che concordare con l'articolo.

L. F.

Profilo
Rispondi citando
Messaggio  
....?????-------------ahahahahahahahahahahah.....uhuhuhuhuhu.....ihihihihihihi..............che squallore..!!!!!!!!!!!!! Sad Sad Sad Sad Twisted Evil

Profilo
Rispondi citando
Messaggio  
questa articolo è tragicamente vero, c'è da farsi venire il mal di stomaco....
e non c'è nenache la neve, che caiser Sad

Profilo Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:
 Rispondi  Pagina 1 di 1